Farsa Nera

dicembre 7, 2017
Teatro delle Saline - Cagliari
Farsa Nera
Farsa Nera

giovedì  7, venerdì 8, sabato 9   Dicembre 2017

Akròama
presenta
Capone e Cosentino in

Farsa Nera

di e  con
Valentina Capone e Andrea Cosentino

scena e costumi : Marco Nateri
assistente alla scena e costumi: Noemi tronza
light design e direzione  tecnica: Lele Dentoni
video design : Stefano di Buduo (Aesop Studio)
effetti sonori: Valentino Carcassi
fonica: Nicola Pisano
maschera pulcinella: Stefano Perocco di Meduna
marionetta antonin artaud: Andrea Cosentino

 

“Farsa nera” è la riscrittura, in chiave tragicomica e alla luce del Macbeth shakespeariano, di un fatto di cronaca nera, “la strage di Erba”, avvenuta per mano di Rosa Bazzi e Olindo Romano l’11 dicembre 2006. Un primo nucleo di questo spettacolo, intitolato “Niente”, è stato presentato a luglio al Festival di Castiglioncello 2016. Farsa nera è lo sviluppo di quel primo studio.

Oltre la dinamica del delitto di coppia e le manifestazioni di follia a due, la cronaca nera è soprattutto un pretesto per poter indagare sulla percezione del Tragico oggi. Che cos’è il tragico? Come viene percepito nella nostra società? Ha ancora senso tentare di metterlo in scena? E cosa può il Teatro, di fronte all’autorappresentarsi ossessivo di un Reale che si manifesta nell’esibizione scandalosa di corpi martoriati e dettagli morbosi da parte dei media e della rete?

L’argomento de la “strage di Erba”, ovvero la trama, si conosce dai mass media: Rosa Bazzi, maniaca delle pulizie, del silenzio e dell’ordine, con il marito, il più mite e succube Olindo, massacrano la famiglia dei vicini del piano di sopra, compreso un bambino di tre anni, rei di disturbarli con i rumori più svariati a tutte le ore del giorno e della notte.

Così descritta sembrerebbe una tragedia elisabettiana dalle tinte forti; tale fu la violenza usata sui corpi delle vittime, ampiamente illustrata, per altro,  dalla televisione e dai giornali, che in questi casi non si risparmiano in dovizia di particolari scabrosi. Rosa Bazzi come Lady Macbeth dunque, personificazione del male?

E però nel Macbeth ciò che avviene è un regicidio, si uccide per il potere e si perde il sonno per il rimorso: “non si dormirà più, Macbeth ha ucciso il sonno, l’innocente sonno”. Qui, invece, si uccide direttamente per dormire, per avere sonni tranquilli. Apparente inversione farsesca della tragedia, eppure a sua volta profondamente tragica.

“La vita è solo un’ombra che cammina, un povero commediante che si pavoneggia e si agita per un’ora sulla scena e poi cade nell’oblio, la storia raccontata da un idiota, piena di rumori e di fragori che non significa niente”. (Macbeth, scena V – atto V)

Nella nostra tragedia contemporanea è questa insignificanza,  è proprio questo niente al fondo delle storie degli uomini a venire prepotentemente in superficie.

Da “la Tragedia Scozzese” alla cronaca nera, quindi, passando per la comicità di una “pulcinellata” surreale: del testo di Shakespeare -la cui forza poetica osava un corpo a corpo con l’abisso dell’uomo- restano echi e frammenti che si insinuano tra interviste, confessioni, intercettazioni ambientali e telefoniche la cui dovizia di particolari è inversamente proporzionale alla capacità di illuminare quella porzione di male che è parte di noi.


Questo spettacolo appartiene al Progetto di Residenza artistico-creativo “Living Macbeth”, incentrato sulla promozione di nuovi artisti e la formazione attraverso laboratori finalizzati alla produzione artistica anche in spazi urbani, non solo tra le mura di un teatro.

 

Share: